Mirabile cosa a dire, anteprima su Giubileo

locandina_rev5GUBBIO (PG) – Tre giorni di portata nazionale, legano il tema del giubileo e della misericordia, con un evento in anteprima: “MIRABILE COSA A DIRE”. L’evento è promosso e organizzato da Comune di Gubbio, LUMSA e associazione ‘IDEANDO’, presentato nei giorni scorsi a Roma nella sede della Radio Vaticana. Il programma è ricco di incontri e percorsi formativi diretti soprattutto ai giovani, che potranno dialogare con studiosi, giornalisti e uomini di fede. L’evento vuole parlare a tutti, attraverso i giovani, del significato della ‘misericordia’ negli anni di Papa Francesco, declinata nelle più varie accezioni e collegata ai problemi dell’uomo contemporaneo in un’ epoca di incertezza, disagio, crisi di molti punti di riferimento. Il momento clou, è la presentazione in ANTEPRIMA NAZIONALE al “Teatro Luca Ronconi” dello spettacolo su San Francesco “MIRABILE COSA A DIRE”, interpretato da Ugo Pagliai e Paola Gassman, con la partecipazione di Nicholas Gallo e Ariele Vincenti. L’evento porta in se un messaggio di straordinaria importanza, in un momento storico come il nostro, di ricerca ed esigenza di cambiamenti profondi. Un momento per fermarsi, osservare e scegliere nuove vie, nuove forme, una nuova società legata ai valori condivisi e troppo spesso, oggi, ignorati. Il Vescovo Mario Ceccobelli ha sottolineato l’importanza fondamentale del dialogo, in questo tempo di spietati conflitti sia a livello sociale che internazionali, con scenari di guerre, fenomeni epocali di migrazione e violenze familiari. Ecco, sembra proprio che per poter contrastare questi scenari di tristezza nei quali siamo immersi nel vivere quotidiano, abbiamo due formidabili baluardi: S. Francesco e 100 anni prima, il Patrono S. Ubaldo. A metà dell’ Anno Giubilare voluto da Papa Francesco in risposta alla sofferenza e alla divisione del mondo, l’evento di Gubbio si pone come riferimento notevole nel cammino del dialogo. San Francesco fu l’uomo della più straordinaria Misericordia, capace di una conciliazione che sembra veramente essere stata unica nell’animo umano. E’ proprio a Gubbio che avviene la piena conversione religiosa del Santo, quando scopre la fede profonda nell’abbracciare il lebbroso, esempio di un’umanità sofferente e ripudiata. Avvenimento che saprà sicuramente essere un momento di stimolo di crescita per la società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *