L’iperreale mondo di Nicola Castellini

E’ stato presentato alla Biblioteca Comunale di Terni, l’ultimo impegno letterario di Nicola Castellini che semplicemente s’intitola “50 poesie”, edito dalla Bertoni Editore.

nicola-castellini-50-poesieTERNI – Egli si definisce “Performer umorale, scrittore fluttuante, diplomato in ragioneria, frequentatore di strutture noborder” un autoritratto ai limiti dell’assurdo compiuto da un uomo che pare divertirsi creando situazioni picaresche, straniandosi dal mondo che lo circonda ed al quale egli non senta di dare alcuna giustificazione. Così, nella prefazione, Sergio Carrivale: “Non è una precaria e transitoria energia “poetica” quella che spinge Nicola Castellini a scrivere versi, bensì una linfa rabbiosa e creativa che lo stimola a descrivere con furia la vita attraverso ogni sua sfumatura.[…]Le poesie di Castellini sono intrise di un insistente autobiografismo in cui sesso, alcol, dissolutezza in genere rappresentano, spesso con licenziosità di linguaggio, alcune vacuità di spirito dell’essere umano.”

Quando si finisce di leggere un qualsivoglia libro – nella fattispecie le poesie di Nicola Castellini – si rimane per alcuni attimi, come sospesi. Lo si chiude, se ne accarezza la sovra copertina e subito dopo lo si sfoglia nuovamente, senza soffermarsi necessariamente sull’una o l’altra poesia…poi, chiudendolo, lo si soppesa e lo si ripone, lì dove mettiamo a giacere le nostre memorie letterarie.

Qualcosa quel libro, questo libro, ci ha lasciato e nel caso dell’autore si avverte subito uno stridìo di sentimenti che martellano il lettore in termini ora dissacranti – vedi la “dedica” di Bukowski – ora dolci note che registrano le vibrazioni d’una natura mite che pare confarsi all’animo – comunque tormentato – del poeta. Un susseguirsi di emozioni ch’egli aggettiva all’interno di versi che paiono sconnessi e dis-connessi, rilanciati da un contrasto che sembra emergere tra il suo vissuto e quello che vorrebbe essere ma non può, o non vuole.

Nei suoi de(l)dicati ritratti, lascia scivolare la penna delineando con parole essenziali, penetranti e pervase d’insospettabile dolcezza, la sua più profonda intimità che lo porta a perdersi oniricamente negli elementi naturali. Parole con cui egli gioca in una (s)composizione al limite del paradosso ben oltre il surreale, e che conia con divertita e divertente semplicità.

Invero, rigetta in termini secchi e talvolta crudi, il suo sentito, non camuffando la sua rabbia, che talora sfocia in acredine, quando palesa disagi sociali destabilizzanti; qui le parole si contorcono al liminare dell’incomprensibile e proprio in questa circonvoluzione verbale sta la forza di Nicola Castellini che esprime così la sua ribellione – lanciando finanche ammonimenti – ad una vita che configura in una notte “agghiacciante, alcolica, devastante”, la quale pare molto togliere e poco concedere se non lacrime di solitudine che ne rigano i fotogrammi in B/N come in un film noir hollywoodiano.

Maledetta la poesia di Nicola che setta esistenze votate sì alla sconfitta, alla disillusione, all’ impossibilità di una “non – resurrezione”, ma ch’egli, quasi con ferocia, finisce col ripudiare elogiando “La potenza della vita /il soffio felice /che ogni dì /ci regala il giorno /e io /fortunato /che ho la voglia /di leggere /e la possibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *