Festa dei Barbari Con la Festa dei Barbari, il borgo di Castel Rigone fa un tuffo nel passato, rivivendo la storia della sua fondazione.

Festa dei Barbari Con la Festa dei Barbari, il borgo di Castel Rigone fa un tuffo nel passato, rivivendo la storia della sua fondazione.

Festa-dei-BarbariPASSIGNANO SUL TRASIMENO (PG) – La storia ci narra che nel 543 d.C. i Goti guidati da Riggo (luogotenente di Totila l’Immortale) s’insediarono sul colle dove oggi è situato il paese, preparandosi all’assalto a Perugia.

Dal 3 al 6 agosto il paese sulle colline del Lago Trasimeno, ospita i guerrieri armati di Riggo che si affrontano in duelli e combattimenti, i fuocolieri che sfilano lungo le vie a suon di musica di cornamuse e tamburi, mentre nei vicoli il “Mastro d’Arme”, un abile fabbro esperto nell’arte bellica, il “Cordaiolo” e il “Battitore de Soldi” rievocano i mestieri del passato.

Più di cento figuranti in costume storico, guerrieri e scudieri armati, carri, animali, cavalieri e musici sfilano lungo le vie del borgo.

In piazza ogni sera, tra le luci delle torce è possibile degustare una cena tipica barbara, accompagnata dal buon vino offerto gratuitamente dai Mescitori Erranti.

Uno sguardo a Castel Rigone
Situato sulla collina che sovrasta il Lago Trasimeno, è un borgo medievale del 200. Sembra sia stato fondato dal barbaro “Riggo”, luogotenente di Totila l’immortale durante le invasioni del 543 d.C. e poi fortificato nel 1297 con la costruzione dell’attuale borgo. Dalla sua altezza di circa 700 metri si può ammirare il Lago e le vallate di Mantignana o Reschio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.