In Agosto al Museo Diocesano le raffigurazioni di Madonne con bambino di Tommaso Cazzella

Ago022019
Una_veduta_del_Palazzo_dei_Canonici_che_ospita_il_Museo_Diocesano-copertina

Gubbio (PG)

GUBBIO (PG) - Agosto, mese della celebrazione dell’Assunzione di Maria, il Museo Diocesano apre i battenti alla mostra “Semplicemente madre” di Tommaso Cazzella. La personale dell’artista salentino, che ha i patrocini del Comune di Gubbio, della Diocesi Eugubina e della Meu - Associazione Musei Ecclesiastici Umbri, è organizzata e promossa dall’associazione culturale ‘La Medusa’ e sarà inaugurata venerdì 2 agosto alle ore 17.30, alla presenza delle autorità e dell’artista. Pittore e design salentino (nato a Lecce nel 1958) si è diplomato presso il Liceo Artistico di Lecce e successivamente frequenta la facoltà di architettura di Reggio Calabria. Ha partecipato a qualificate mostre personali e collettive. L’evoluzione delle esperienze artistiche lo porta ad una sua personale presso il Conservatorio della Chiesa di S. Anna a Lecce (maggio 2011).  Con grande successo,  è stato presentato un progetto che univa il design con la pittura, mescolando le due forme d’arte per dar vita ad un connubio nuovo e insolito tra forme e colore. La fotografia è un’altra delle forme d’arte preferite dall’artista;  infatti una ricerca fotografica sui balconi mensolati del centro storico di Lecce lo ha portato alla pubblicazione del libro “sotto il peso delle leggende” che oltre a raffigurare le splendide rappresentazioni lapidee delle figure antropomorfe, narra le storie fantastiche e non dei personaggi che sorreggono i balconi.  Il pittore salentino è stato scelto nel 2014 come artista per intervenire nella costruenda chiesa intitolata alla Madonna Immacolata,  nel Comune di Ceglie Messapica.  Qui oltre alla progettazione degli arredi sacri si è occupato di tutti i dipinti che adornano la chiesa (il Cristo in legno dell’altare maggiore, la pala dell’Immacolata, il pannello raffigurante i quattro evangelisti e le quattordici stazioni della via Crucis).  “La rappresentazione della Madonna con il Bambino  – sottolinea Elisa Polidori Storico dell’Arte e presidente de ‘La Medusa’ – è carica di una moltitudine di significati diversi:  a partire dalla fine del Duecento essa prende distanza tra la pittura italiana e i modelli bizantini e orientali, per poi trasformarsi nuovamente in ambito rinascimentale, mantenendo  viva ed intatta tutta la sua aurea di dolcezza e mistero”. La mostra di Tommaso Cazzella sarà visibile al pubblico  fino  al 1 settembre;  per informazioni scrivere ad info@museogubbio.it  o chiamare il numero 075 9220904.

FONTE: Ufficio Stampa Comune di Gubbio

Categoria:   Arte e Cultura

Ritorna eventi