La bruschetta, il pane alla base del sapore Il pane bruscato una vera e propria eccellenza della cucina tradizionale

La bruschettaLa bruschetta: il vocabolo, in senso stretto, deriva dal termine “brusco”, di origine romanesca, che significa “abbrustolito”. Il pane abbrustolito rilascia un profumo incredibile ed un sapore unico, rendendolo croccante fuori e morbido all’interno della mollica, è uno dei piatti più semplici e più antichi della tradizione contadina. La necessità per i contadini nasceva dal fatto di dover conservare il pane più possibile, evitare inutili sprechi e cucinare con le poche provviste che a volte si avevano a disposizione in casa, tra cui pane, olio, sale e aglio. La sua bontà, tra l’altro, era dovuta al fatto che i contadini abbrustolivano il pane sulla brace, purtroppo con i forni di oggi non è facile riprodurre lo stesso sapore, ma il gusto c’è comunque sempre. Generalmente oggigiorno la bruschetta viene utilizzata come antipasto, ma può essere servita come si preferisce, senza troppe regole e gustarla con qualsiasi variante.

Veniamo ora alla ricetta tipica.

Ingredienti base:

Pane
Olio extravergine di oliva
Aglio
Sale
Varianti: origano, pepe, tartufo nero, olive nere, pomodorini

Preparazione

Tagliate il pane facendo delle fette di circa due centimetri. Tostatelo su tutti e due i lati in forno oppure su una griglia fino a renderlo croccante. Sul pane ancora caldo strofinate un pò d’aglio, mettete un pò di sale e un pò di olio EVO. Questa è la base, ma a vostro piacere potrete aggiungere una salsa di tartufo nero, oppure una salsa a base di olive nere o verdi, oppure una salsa con pomodorini origano e pepe e … date spazio alla vostra fantasia. Servitela calda e gustatela!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *