Da Raffaello a Canova, da Valadier a Balla

Feb022018
Set302018

Gubbio (PG)

Raffaello, Bronzino, Pietro da Cortona, Guercino, Rubens, Wicar, Hayez,  Giambologna, Canova, Valadier, Balla, accanto a molti altri artisti italiani e stranieri tra Quattocento e Novecento.

Il progetto espositivo offre una immersione nella storia dell’Accademia Nazionale di San Luca, testimoniata in mostra da dipinti, sculture, disegni architettonici, bozzetti preparatori, tutti patrimonio dell’Istituzione romana.

In questa sorta di viaggio artistico che da Roma conduce a Perugia per svilupparsi nel cuore cittadino, il corpus di opere dell’Accademia di San Luca - allestito nelle due sedi espositive situate entrambe in Corso Vannucci, a pochissimi metri di distanza l’una dall’altra - si snoda complessivamente in 12 sale, seguendo un ordine cronologico.

Il percorso si apre con il ‘Putto reggifestone’ di Raffaello Sanzio, procede poi tra i dipinti di Bronzino, Pietro da Cortona, Paris Bordon, Jacopo da Ponte detto il Bassano, insieme alle terrecotte di Vincenzo Danti e del fiammingo Giambologna.

A seguire, per il Seicento, troviamo il Cavalier d’Arpino, Anton Van Dyck, Sassoferrato, Pier Francesco Mola, Swerts, Borgianni e tanti altri.

E ancora "Amore e Venere" del Guercino, i prestigiosi gessi dello scultore danese Thorvaldsen e di Antonio Canova, "Il Contadino" di Giacomo Balla, il "Ritratto di Bianca" di Amedeo Bocchi.

Palazzo Baldeschi – Palazzo Lippi Alessandri

Orari: martedì- giovedì: 15.30/19.00; venerdì-domenica: 10.30/13.30 – 15.00/19.00. Chiuso il lunedì

FONTE: Regione Umbria

Categoria:   Arte e Cultura

Ritorna eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.